Indietro

Homepage

- Via Scarsellino -

 

(1551 – 1620)

 

Da via A. Salvatori (chiusa).

 

La via costeggia le spalle del parco della villa Salvatori, in cui si situa anche l’edificio delle ex Scuole Medie, e dà l’accesso a parte delle abitazioni sorte nella lottizzazione del terreno dei Salvatori.

È dedicata al pittore Ippolito Scarsella, soprannominato lo Scarsellino, nato nel 1550 circa e morto nel 1620 a Ferrara, dove si formò, nell’ambiente manieristico attento alle suggestioni esercitate dalla pittura del Parmigianino. Fondamentale per la sua educazione artistica fu però il soggiorno a Venezia, dove venne influenzato dalla grande pittura cinquecentesca, soprattutto del Tiziano e del Veronese.

Della sua vastissima produzione, che comprende numerose pale d’altare, dipinti di carattere profano e mitologico, si ricordano in particolare la “Venere al bagno” della galleria Borghese di Roma e gli affreschi dell’abside della chiesa di San Paolo, appunto a Ferrara. [14]

 

Adorazione dei Magi

1600ca

Pinacoteca Capitolina